HOME Notizie «Non ci metterete nel sacco dei rifiuti»

ATENA LUCANA: «NON CI METTERETE NEL SACCO DEI RIFIUTI»

Articolo tratto da: "Il Mattino"

Sindaci del Vallo di Diano in prima fila contro l’ipotesi del commissariato L’adesione degli studenti, dei parroci e gli slogan del comitato Grande Lucania
In prima fila c'erano i sindaci del Vallo di Diano. Tutti con la fascia tricolore, incuranti della pioggia battente che ha condizionato, in parte, la manifestazione di protesta. Un corteo lungo, composto da semplici cittadini e soprattutto da tanti studenti frequentanti gli istituti superiori del Vallo di Diano. Un unico cordone umano, dai giardini pubblici di Atena Scalo fino alla cava di Mezzanelle.
Tutti insieme a dire "no" alla realizzazione del sito di stoccaggio dei rifiuti individuato dal prefetto di Napoli Alessandro Pansa presso la cava di Atena Lucana. «No ai rifiuti degli altri», si leggeva su uno dei tanti striscioni presenti in corteo.
Un "no" secco ripetuto in diverse salse, così come diversi e tanti erano gli slogan inneggiati soprattutto dai più giovani, gli studenti; da "Pansa, prima di sbagliare pensa", alla nuova linea di abbigliamento di sacchi dell'immondizia firmata "Bassolino 2008" che come slogan recava la scritta: "non ci metterete nel sacco", indossata dalla maggior parte dei partecipanti. Una giornata in cui nemmeno la pioggia ha rappresentato un deterrente sufficiente a scoraggiare i circa duemila cittadini del Vallo di Diano che hanno percorso i quasi 4 Km che dividono i giardini di Atena Scalo dalla cava di Mezzanelle. Motivazioni importanti quelle registrate dalla voce della gente ieri mattina: c'erano le madri che volevano difendere il futuro dei propri figli, nonni con gli striscioni che lottavano per la salute dei loro nipotini, e poi medici, professionisti, il parroco don Vincenzo Federico in rappresentanza del clero del Vallo di Diano, tutti uniti sotto lo stendardo della lotta all'ingiustizia nei confronti di un territorio che appena due giorni fa è stato premiato come comune riciclone nella regione Campania.
Non è mancato neanche qualche attacco diretto verso la regione Campania da parte dei fautori del progetto di annessione alla Basilicata, rappresentanti dal Comitato Grande Lucania, mentre più pacata ma altrettanto critica è stata la posizione dei promotori del progetto "Città Vallo". Giunti sul luogo dove dovrebbe sorgere il sito indicato pe ospitare le ecoballe, il sindaco di Atena Lucana Sergio Annunziata vi ha posato una piantina di cedro.
«Qui vogliamo che nasca la vita e non la morte- ha detto il sindaco Annunziata- Più che una richiesta, la mia vuole essere una supplica. Non è possibile deturpare il nostro territorio chiedendoci di ospitare balle di rifiuti che non saranno mai più eliminati da questa zona, con tutte le conseguenze che ognuno di noi può immaginare. Siamo un territorio virtuoso, indicato annualmente da Legambiente Campania come esempio nella raccolta differenziata dei rifiuti. Ce la stiamo mettendo tutta per gestire con intelligenza e con profonda attenzione la questione rifiuti e per questo motivo non possono imporci la spazzatura di altri centri della Campania che non sono capaci di impegnarsi come noi nella gestione di questo settore.
Non possiamo- continua il sindaco Annunziata- e la Provincia di Salerno deve prodigarsi per sostenere questa posizione, indicando un sito diverso da quello che è stato proposto dal prefetto Pansa. Qui non si vuole ingaggiare una guerra fra poveri- ha continuato il sindaco Annunziata- bensì vogliamo soltanto che la Provincia si assuma la responsabilità di certe scelte, in maniera chiara, forte e definitiva».
Rocco Colombo
News pubblicata il 30-11-2007, letta 1809 volte
Segnala questa notizia ad un amico


Altre Notizie di Atena Lucana Informazioni su Atena Lucana
Immagini di Atena Lucana Attivit commerciali a Atena Lucana

Accedi

Benvenuto nel Vallo di Diano,
fai login oppure registrati