HOME Notizie Aperti i termini del bando per la mostra-concorso “La Satira Investe nella Ricostruzione”

PERTOSA: APERTI I TERMINI DEL BANDO PER LA MOSTRA-CONCORSO “LA SATIRA INVESTE NELLA RICOSTRUZIONE”

L’Osservatorio permanente sul dopo sisma e la Fondazione MIdA hanno lanciato sul sito www.osservatoriosuldoposisma.com un bando di concorso, rivolto a vignettisti e illustratori, sul tema della gestione dei fondi stanziati per le ricostruzioni seguite agli eventi sismici che hanno colpito l’Italia negli ultimi 30 anni, dal terremoto dell’Irpinia a quello de L’Aquila. Il concorso è finalizzato ad un’esposizione itinerante che attraverserà alcuni luoghi topici dei terremoti italiani.
Una vignetta - nell’intento dei curatori Valentina Del Pizzo e Valerio Calabrese - rappresenterà il terremoto come poche volte è stato fatto: la satira si farà interprete del delicato tema della gestione economica delle emergenze post sisma attraverso lo strumento principale dei messaggi istituzionali, la moneta corrente, e nella fattispecie, la moneta da 1 euro, simbolo dei fondi pubblici, ma anche simbolo della disperazione di chi col malaffare approfitta del disastro.
L’iconografia delle monete ha sempre veicolato i messaggi del potere, per questo gli organizzatori hanno chiesto di ribaltare quel messaggio, invitando i vignettisti a ridisegnare i nostri soldi.
La satira, così, conierà le monete delle ricostruzioni italiane, per criticarne gli sprechi e la cattiva gestione. A tal fine le illustrazioni saranno collocate all’interno della corona dell’euro, tramite un layout scaricabile dal sito dell’Osservatorio.
La scadenza del bando è prevista per il 16 aprile, mentre la mostra delle 30 migliori opere sarà allestita al Palazzo dello Jesus di Auletta (Sa) dal 28 maggio al 23 Novembre 2011. Da dicembre, poi, l’esposizione si sposterà a L’Aquila. Una  giuria di esperti valuterà le opere pervenute e ne decreterà la migliore premiando l’autore con la somma di 1000 euro.
“Riannodare il filo della memoria è uno dei compiti istitutivi dell’Osservatorio permanente sul dopo sisma – precisa Antonello Caporale, giornalista di Repubblica e direttore dell’Osservatorio - ma il bisogno di memoria, l’impellenza del ricordo anche come misura comparativa della qualità del nostro agire quotidiano è tema che coinvolge questo tempo e impone tutti all’impegno della rendicontazione.”
La mostra segue l’esposizione “Una notte in Italia”, che ha visto protagoniste le foto di Francesco Fantini sul post ricostruzione irpino e quelle di Daniele Lanci sul dopo sisma aquilano in un percorso espositivo arricchito dal documentario-inchiesta “Anno 30 d.T. (dietro il terremoto, dopo il terremoto)” sulla ricostruzione nei territori di Campania e Basilicata, girato nel 2010 da Emanuele Pantano e Luca Cococcetta. “Una notte in Italia” nel corso di quest’anno toccherà vari paesi del cratere del sisma del 1980: le prime tappe nella provincia di Potenza (Muro, Bella, Castelgrande).

Per info:
www.osservatoriosuldoposisma.com
info@osservatoriosuldoposisma.com
 

News pubblicata il 06-04-2011, letta 1790 volte
Segnala questa notizia ad un amico


Altre Notizie di Pertosa Informazioni su Pertosa
Immagini di Pertosa Attivit commerciali a Pertosa

Accedi

Benvenuto nel Vallo di Diano,
fai login oppure registrati